Archivio

Archivio Ottobre 2004

Ti chiamo sul cellulare,ma quanto mi costa?

5 Ottobre 2004 2 commenti

I gestori fanno tanta pubblicità al servizio di number portability (la
possibilità di passare da un gestore ad un altro
mantenendo il vecchio numero del telefonino) ma nessuno di loro spiega
quanto l’adesione a macchia di leopardo a questo servizio stia
costando a noi ignari consumatori.

Mi spiego meglio. La maggior parte dei contratti (siano
essi con abbonamento o con prepagate), come ben sapete, prevedono un costo
molto basso per le telefonate fra clienti dello stesso gestore (solitamente
10 o 12 cent al minuto) ma costi ancora sproporzionatamente alti per
telefonate effettuate all’indirizzo di un abbonato di un gestore diverso
dal
proprio (per le quali si arriva a pagare anche a 25 e più cent al minuto).

Oggi, a causa della possibilità offerta di migrare da un Gestore
all’altro senza cambiare il proprio numero del cellulare, il prefisso non
identifica più il gestore (prima i 340, 347, 348, 349 etc eravamo certi
fossero vodafone e i 335, 337, 338, 339, 333, etc eravamo certi fossero
tim) e anche quelle telefonate che pensiamo costino poco possono in realtà
costarci parecchio! (Ad esempio una telefonata di 10 minuti fatta pensando
che costi, fra scatto alla risposta e tariffa, intorno a 1,3 euro, potrebbe
in realtà costarvi 3 euro!)

Un modo per risparmiare, o comunque per sapere se la telefonata che
stiamo per fare ci costerà poco o molto, in realtà esiste, ma come è
logico nessun gestore lo pubblicizza perché è maggiore l’interesse a
mantenere i propri clienti all’oscuro della cosa.

Prendete nota: sarà sufficiente anteporre al numero che si vuole chiamare

un codice numerico (456 o 4884 )affinché una gentilissima
e gratuita voce di donna ci comunichi a che gestore oggi appartiene
quel numero.

Buone telefonate (senza sorprese) a tutti!

Joefalchetto,ringrazia l’amico che ha segnalato questa nota interessante anche a nome di tutti i lettori del suo blog.